Pane di semola | Bread therapy .

Osservo le mie mani , e devo dare ragione a chi sostiene che attraverso di esse si può capire molto di una persona . Le osservo con attenzione , segnate , tagliuzzate , alcune bruciature , e da lì si capisce subito la mia sbadataggine . Sono mani poco curate , in effetti non sono un appassionata di creme , anzi non le amo proprio , potete suggerirmi tutte le marche di questo mondo  che si assorbono in un nano secondo , ma io sentirò comunque un alone fastidioso . Sono un caso patologico lo sò,pane di semola

Le osservo e noto quanto sono state segnate dal freddo , e per questo è sempre colpa mia , ho un ripudio per i guanti se per sbadataggine li sto indossando  divento un incapace che non riesce a tenere nulla tra le mani .

E infine noto che con il tempo assomigliano sempre di più a quelle di mia madre , le ho sempre osservate con ammirazione , erano quelle mani così dolci che mia accarezzavano e mi confortavano , erano quelle mani che mi punivano quando combinavo qualcosa ed erano quelle mani che impastavano , mescolavano e portavano in tavola piatti stupendi.

E con queste mani nei momenti più bui mi dedico a  impastare  , la mia terapia d’urto contro la tristezza . Adoro impastare il pane , osservarlo mentre lievita e infornarlo incrociando le mie dita storte sperando che diventi una bella pagnotta dorata e croccante fuori e morbida dentro.

pane di semola

Ingredienti:

350 g. di farina di semola

150 g. di farina 0

 1 cucchiaio di olio evo

1 cucchiaio di miele

1 cucchiaio e mezzo di sale

5 g di lievito di birra secco

200 ml di acqua tiepida

Sciogliete nell’acqua tiepida il miele e il lievito , mescolate bene e lasciate riposare da parte . In una ciotola o con la planetaria fornita di gancio , mescolate le farine , il sale e l’olio . Un po alla volta iniziate a introdurre i liquidi , se impastate con la planetaria tenetela a media velocità , quando avrete introdotto tutti i liquidi aumentate la velocità oppure iniziate a mano a lavorare velocemente l’impasto. Se l’impasto vi sembra troppo liquido , aggiungete un po di farina 0 . Dovete ottenere un impasto liscio , elastico e omogeneo , nella planetaria quando si staccherà bene dalla ciotola allora sarà pronto.

pane

Lasciate lievitare per 4 ore , riprendete l’impasto lavoratelo un’altro po e create i panetti , fate dei tagli sulla superficie e lasciateli lievitare per altre 2 ore coperti con un panno pulito.

Scaldate il forno a massima potenza e infornate il pane , quando sarà ben dorato e se bussate sulla superficie farà un suono  come di “vuoto” allora sarà pronto.

Buona bread therapy!

 

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

CONSIGLIA Mix cereali e quinoa con pollo e porri